Home > Report Live > Bianco in concerto alla Salumeria della Musica di Milano, report live e scaletta

Bianco in concerto alla Salumeria della Musica di Milano, report live e scaletta

Il 28 febbraio presso la Salumeria della Musica di Milano si è esibito il cantautore torinese Bianco. Ad aprire le danze Margherito, un cantautore siciliano pop/funk energetico con la sua ironia e la chitarra riempita di adesivi. Con i suoi pezzi dei testi e melodie semplici ma non banali come Un tramezzino a metà scalda il pubblico in un attimo. Ci sta.

Spazi del locale industriali e semplici, pieni ma non pienissimi e l’atmosfera è amichevole. Poco dopo le 22,00 Bianco e la sua band raggiungono il palco. Senza perdersi in troppe chiacchere, l’artista si esibisce con le prime tracce del nuovo album Quattro, e… ci sembra subito di ascoltare il disco.

Il cantautore ci trasmette la sua carica per tutta la durata del concerto e ci fa amare da subito i nuovi brani esibiti dal vivo, senza tralasciare pezzi più datati come Mela. Alberto Bianco parla poco, ma quando parla è divertente. Soprattutto ci ricorda la sua prima esibizione a Milano, non andata benissimo, e prende un po’ in giro il pubblico milanese per essersi presentato al concerto in giacca e cravatta. Ringrazia, inoltre, la sua etichetta discografica INRI per avergli concesso  di realizzare pezzi un po’ prolissi come “Organo Amante”. L’atmosfera del locale non ha bisogno di luci ad effetto perché il pubblico gli è stato complice fin dal primo brano.
Da notare anche la bella – e non indifferente – alchimia tra il cantante e la sua band. Ma il vero “bacio della buonanotte” arriva al termine della serata, quando l’artista improvvisa soltanto sulle note della sua chitarra Le stelle di giorno.

Scaletta:
1.    30 40 50
2.    Felice
3.    In un attimo
4.    Fiat
5.    Filo d’erba
6.    Drago
7.    Volume
8.    Raccontami
9.    Padri
10.    Corri
11.    Punk Rock con le ali
12.    Aeroplano
13.    Organo Amante
14.    Tutti gli uomini
15.    Mela
16.    Le stelle di giorno

Scroll To Top