Home > Rubriche > Eventi > LoudVision presenta il Big Bang Music Fest 2016 | In collaborazione con Ulule

LoudVision presenta il Big Bang Music Fest 2016 | In collaborazione con Ulule

Parte oggi una nuova partnership che lega LoudVision a Ulule, una piattaforma di crowdfunding che dal 2010 ha reso possibile il finanziamento di oltre 13mila progetti creativi. Ogni progetto prevede un limite di tempo e un budget minimo vincolante da raggiungere, la cui gestione deve essere spiegata nel dettaglio ai possibili finanziatori.

Ogni mese LoudVision presenterà ai propri lettori un progetto valido, e in linea con le proprie aree di interesse (principalmente cinema e musica), promosso tramite Ulule.

Abbiamo scelto di iniziare con il Big Bang Music Fest 2016, che da pochi giorni ha raggiunto il proprio obiettivo di crowdfunding: 5mila euro che consentiranno alla manifestazione musicale di Nerviano, in provincia di Milano, di offrire cinque giorni (da mercoledì 1 a domenica 5 giugno 2016) di musica dal vivo ad ingresso gratuito in un’area naturale di 4mila metri quadri.

Il programma di concerti del Big Bang Music Fest, nato nel 2012 e organizzato dall’Associazione Culturale Giovani Nervianesi, quest’anno comprende Punkreas, Fratelli Calafuria, Merdonald’s (1 giugno), Otto Ohm, Raphael, Piero Dread (2 giugno), Coez, Rancore, Ackeejuice Rockers, Ted Bee, Shiva (3 giugno), Planet Funk, Aucan, Dardust (4 giugno), Il teatro degli orrori, Sick Tamburo e Andrea Rock (5 giugno).

«Lo scopo della nostra Associazione — così si presentano i Giovani Nervianesi — è creare un laboratorio di idee e contenuti rivolto ai giovani della comunità, con l’intento di dare uno spazio di confronto dove organizzare attività concrete, ma anche progetti a più ampio respiro, rivolti a giovani e non. La convinzione è che i giovani abbiano molto da dare ad una comunità. Con il giusto coinvolgimento, bei progetti ed entusiasmo si può creare quindi un percorso lungimirante e proficuo».

Ma come saranno utilizzati, nel dettaglio, i 5mila euro raccolti attraverso Ulule? Il 40% servirà per garantire l’accoglienza di tutti gli artisti, i partner, gli sponsor e naturalmente i membri dello staff; il 30% per apportare migliorie tecniche alle strutture e agli impianti audio/luci dei palchi (il Main Stage di 18 metri lineari per i live serali, lo Stage 2 per i live acustici in Area Lounge e il Dock DJ’z per gli After Show); il 22% sarà invece impiegato nelle attività di comunicazione. Il restante 8% resta a Ulule come commissione.

Nell’area verde che ospita il Big Bang Music Fest 2016 verranno allestiti inoltre anche diversi punti di ristoro: la Birreria Beerbang che offre la Engel Gold, una birra artigianale tedesca non pastorizzata prodotta con due tipi di malto d’orzo; il Bar La Bodeguita de Ugo («un vero e proprio laboratorio, messo nelle mani di un chimico, convertitosi all’arte dell’”equilibrio” alcoolico»); la Cucina Magni Tudo («panozzi, patatine, stuzzicherie»).

Per i finanziatori che hanno sostenuto il Big Bang Music Fest 2016 attraverso Ulule sono previste delle ricompense, dalla mascotte alle magliette per chi ha partecipato con piccole cifre, fino all’ingresso nel backstage o a veri e propri accordi da sponsor (logo sui materiali ufficiali, spazi espositivi) per i più generosi.

#‎Civuolepiùbigbang‬! #Faraidituttoperesserci

L’articolo è stato realizzato in collaborazione con Ulule

Scroll To Top