Home > Recensioni > Big Fox: Now
  • Big Fox: Now

    Big Fox

    Loudvision:
    Lettori:

“Pining for the fjords”

La grande volpe è una timida creatura proveniente dalla Scandinavia, terra di freddo e fiordi, ma con cuori caldi che sciolgono i peggio ghiacciai.
“Now” è il secondo disco della cantautrice di Malmö Charlotta Perers, la quale, oltre alla scrittura, s’è dedicata pure al processo di registrazione e produzione tutta da sola. Insomma, timida sì, ma con i controcazzi.

Nove brani di pura mielosità, e non perché si parla d’amore e cose sdolcinate che fanno salire il tasso glicemico del sangue, bensì le armonie (in cui molto spesso compaiono gli archi) sono soft e rilassanti, coperti da uno strato digeribilissimo di pacata dolcezza.
L’esempio più calzante dello stile scelto è la title-track, dove la voce di Charlotta s’intreccia a quella maschile, mentre sotto il rullante, accompagnato da violino e pianoforte, crea un piacevole crescendo.

Per essere una seconda opera non si percepisce una caduta rispetto all’esordio e anzi, Big Fox riesce a mantenere uno standard alto, tale da potersi guadagnare eventualmente un’altra fettina di pubblico. Un pubblico a cui potrebbero già piacere la danese Agnes Obel o Ane Brun, sia per la voce particolare, un po’ sofisticata, sia per gli strumenti e le scelte negli arrangiamenti.
Speriamo che l’effetto di monotonia lungo l’esecuzione di alcuni pezzi non guasti in eccesso.

Pro

Contro

Scroll To Top