Home > Recensioni > Big Life: Big Life
  • Big Life: Big Life

    Big Life

    Loudvision:
    Lettori:

Giovani datati

I Big Life sono un duo inglese, il loro nome è nuovo, ma i musicisti che lo compongono sono dei pesi massimi del rock melodico made in UK: Steve Newman e Mark Thompson-Smith sembravano spariti con gli anni ’90 e invece sono ancora qui.
L’album omonimo rispecchia le aspettative che si possono avere con queste premesse, dimostrando per altro che entrambi i nostri non hanno perso lo smalto che li aveva portati al successo. Un’ora abbondante di hard rock, molto AOR, molto anni ’80-’90 ma ugualmente godibile e apprezzabile anche da palati più giovani.

Non è facile sfornare un disco che non abbia l’odioso retrogusto di già visto/già sentito quando si fa parte di un filone musicale che ha già dato praticamente tutto ciò che poteva. I Big Life si fanno apprezzare, nonostante l’evidente legame col passato sono riusciti a mettere insieme tredici brani capaci di farsi ben volere e dal sapore ancora attuale, nonostante tutto.

Pro

Contro

Scroll To Top