Home > Recensioni > Bilingüe: En El Medio De To’
  • Bilingüe: En El Medio De To’

    Bilingüe

    Data di uscita: 01-01-2008

    Loudvision:
    Lettori:

Il disco che parla due lingue

Prendete due pazzi scatenati come Davide Napolitano Gil e Manuel Rinaldi. Mettetegli in testa il desiderio di creare qualcosa che abbracci la loro passione. E date per scontato che la loro passione sia la musica tradizionale spagnola. Ne verrà fuori una band che come nome non poteva che scegliere Bilingue e che – ovviamente – canterà in due lingue: italiano e spagnolo.

Date loro la possibilità di unire alla tradizione elementi moderni come funk, rock, punk, reggae e ska e il progetto è realizzato. Fate posto ad un batterista (Martin “Mädde” Sauer), ad un bassista (Helmut Nölker) e ad un percussionista (Claudio Battiloro), fategli girare in lungo e in largo la Germania. Fategli montare la testa chiedendogli dischi a fine concerto e vedrete che prima o poi il disco lo incideranno davvero.

È successo questo ai Bilingue, anzi, è successo di meglio: sono arrivati al secondo disco. Dopo il primo album omonimo, ecco “En El Medio De To’”. Quattordici tracce nelle quali si intrecciano ritmi latini a lingua nostrana e spagnola.

Un disco che profuma di melodia festaiola, ma parla di attivismo politico. Sembra estate solo ad ascoltarli questi Bilingue, e le percussioni che accompagnano le chitarre ne sanno qualcosa. Sarà per questo che il giudizio pare superfluo. Non resteranno nella storia della musica, forse neanche si avvicineranno ai grandi. Ma hanno un merito: dal disco che gira – oltre alle note – si alza la sana passione per la musica, che è un po’ la storia del gruppo.

“Ancora Un Passo”, tra i testi, è quello che si fa ricordare. Ma è nella musica che i Bilingue mostrano la loro forza maggiore. Cantano “Pa’ Reir Pa’ Llorar”, ma le emozioni di una risata o di un pianto sono ben lontane da un prodotto che lascia interdetti, senza veri e propri giudizi positivi, né negativi. Da concedere, comunque, un secondo ascolto.

Il disco non è adatto agli abituali clienti dei villaggi turistici: i ritmi latini potrebbero provocare balli di gruppo irrefrenabili. Prima dell’ascolto, consultare uno specialista.

Pro

Contro

Scroll To Top