Home > Recensioni > Bionic Angel: Digital Violence
  • Bionic Angel: Digital Violence

    Bionic Angel

    Loudvision:
    Lettori:

Il pranzo è servito

Ricetta del giorno
Bionic Angel in padella.

Ingredienti
screming voice
growl
clean voice
chitarre goth-heavy
tastiere
synth a profusione

Preparazione
Quest’oggi presentiamo un piatto della tradizione teutonica che racchiude in sé molti sapori, pur senza discostarsi troppo dal gusto più popolare. La proposta dei Bionic Angel discende direttamente dall’industrial, ma a questo aggiunge note dissonanti di origini nordiche, dal black al death sinfonico, profumi pungenti di elettronica intercontinentale e un po’ di quel retrogusto gotico che allappa la lingua.

Il sottofondo della preparazione risiede in un battuto di scream, growl e clean voice che accompagna l’ascolto dall’inizio alla fine, il tutto condito da una spruzzata di tastiere scampanellanti e chitarre heavy-gothic. In questo variegato pout pourri spicca immancabilmente l’accento acido dell’elettronica, insostituibile come il cacio sui maccheroni.

A rendere più appetibile la pietanza, ritornelli melodici e canticchiabili cercano di amalgamarsi ad un composto di base già sufficientemente eterogeneo e infarcito di spunti che faticano a coniugarsi in un ensemble omogeneo.

Una specialità, questo “Digital Violence”, che, una volta assaggiata, potrebbe non appagare completamente il vostro palato, soprattutto se sopraffino.

Scroll To Top