Home > Recensioni > Birø: Incipit
  • Birø: Incipit

    RC Waves / none

    Data di uscita: 31-03-2017

    Loudvision:
    Lettori:

Birø è un nuovo progetto sulla scena elettronica italiana. Classe 1990, originario di Varese definisce il suo  progetto un tentativo di unire la tradizione di cantautorato italiano con la musica elettronica contemporanea. Una scelta tanto azzardata quanto, sorprendemente, fresca e riuscita.
L’EP di esordio di  Birø, Incipit è uscito lo scorso 31 marzo, ed è la prima produzione originale di RC Waves.
Piùttosto di cantare, Birø racconta. Le storie semplici, personali, legate tra di loro, le storie che succedono, più che altro, nella testa di un giovane uomo, le sue paure, i dialoghi interiori. Inizia tutto con l’Ansia (le luci), un pezzo di sapore trip hop che racconta lo stato d’animo del giovane che dopo l’assunzione di una sostanza psicotropica mischia la realtà con l’immaginazione. La seconda traccia, Lupi, riprende l’inquetudine della precedente ma con toni decisamente più dark. Con Come nei film arriva la nostalgia synth-pop, l’immaginario retroromantico dei vecchi film dove Lei è come Grace Kelly e Lui come James Dean. Invernø ritorna invece al mood decadente – un commento alla generazione disillusa dei coetanei dell’artista. Conclude l’EP un altro monologo interiore: Il Mio Disordine. Le cinque tracce ipnotiche sono accompagnate dai cinque altrettanto ipnotiche video opere di Marcello Rotondella.
Come suggerisce il titolo, è solo l’inizio della storia. L’inizio che incuriosisce e lascia ipnotizzati nell’attesa di un longplay firmato Birø.

Tracklist:
1.    Ansia (le luci)
2.    Lupi
3.    Come nei film
4.    Invernø
5.    Il mio disordine

Pro

Contro

Scroll To Top