Home > Recensioni > Black Cobra: Invernal
  • Black Cobra: Invernal

    Black Cobra

    Data di uscita: 01-01-2011

    Loudvision:
    Lettori:

Il cobra non è un serpente…

Inserendo “Invernal” nell’apposito lettore si viene investiti, dopo poche frazioni di secondo, da badilate sul cranio di inaudita potenza. Ancora storditi andiamo poi a leggere nel booklet che gli autori di tale pandemonio sono solamente due, Jason Landrian e Rafa Martinez, due ragazzacci provenienti da Los Angeles, California, rispettivamente alla chitarra e alla batteria.

Forieri di un putrido sludge che sconfina più che volentieri in territori thrash metal, quello di una volta sia chiaro, i Black Cobra giungono con “Invernal” alla terza uscita discografica.
Brani sapientemente costruiti, suono potente e minimale, riffing oscuro e opprimente, questa è la ricetta vincente dei Black Cobra.

La “puuutenza” è sicuramente il punto di forza di “Invernal” che non riesce però a essere altrettanto valido nella varietà della proposta. I brani ma soprattutto le soluzioni compositive alla fine dei giochi risultano ripetitive e si riesce a prevedere dove andrà a parare il riff e lo stacco successivo. Ma signori, questa roba pettina. Davvero!

Pro

Contro

Scroll To Top