Home > Rubriche > Ritratti > Black metal all’italiana: Dalla brace alla padella

Black metal all’italiana: Dalla brace alla padella

Tra la miriade di uscite buone più che altro per non far traballare il tavolo, qualche idea interessante possiamo anche trovarla, non fosse che gran parte delle volte la solfa è la stessa, ossia una bella copia carbone di qualche gruppo norvegese a scelta, oppure un sound sperimentale con dentro un po’ di tutto a mo’ di frullato millegusti. Con queste prospettive compiliamo un breve podio qualitativo di alcune tra le ultime uscite patriottiche in campo black metal.

Al terzo posto troviamo i Frangar con il loro ultimo “Tvtto Per La Patria”: tre tracce di un black metal imbastardito con punk, hardcore e non si sa cos’altro. L’importante è mantenere una certo tono marziale aiutandosi con testi politicizzati, fregarsene della produzione e appartenere alla B.M.I.A. Hanno qualcosa, ma solo qualcosa, in comune con gli Spite Extreme Wing, che sono però su tutt’altro livello. Potranno forse andar giù a chi ha particolare affinità con i generi sopracitati, ma rimangono di molto difficile ascolto per i puristi.

Al secondo posto, per la gioia dei più ortodossi, abbiamo invece “Planet Of Tombs” dei Buio Omega, band con più influenze thrash di un gruppo thrash. A molti potrà piacere il sound alla Carpathian Forest, molti altri sbadiglieranno soprattutto grazie alla voce costantemente uguale a se stessa del cantante che i nostri sono andati furbescamente a pescare in Australia.

Il primo posto se lo meritano i Sacradis, perché, nonostante non abbiano fatto di “Damnatio Memoriae” un capolavoro, lasciano spazio a momenti più pensati, in cui sanno mettere da parte i soliti cliché per dare all’ascoltatore qualcosa di più del solito blast beat. Il richiamo ai grandi nomi del genere rimane, ma è più flebile e secondario, e la band genovese riesce a ritagliarsi una personalità. Un barlume di speranza?

Di quando in quando le mode cambiano: quelle musicali non sono da meno. Se una parte del popolo italiano sente l’esigenza dell’ultimo slip griffato da far emergere dai jeans da salasso, l’altra probabilmente sente l’assoluta necessità di suonare ancora unholy-evil-eccetera black metal.

Scroll To Top