Home > Recensioni > Blanc Faces: Falling From The Moon
  • Blanc Faces: Falling From The Moon

    Blanc Faces

    Loudvision:
    Lettori:

Una vita da mediano

Davvero convincente questo secondo capitolo della saga Blanc Faces, band che trova il suo fulcro nei fratelli La Blanc, tanto bravi quanto semisconosciuti interpreti dell’AOR. “Falling From The Moon” è frutto dell’ennesima felice intuizione di Dennis Ward, che mette il suo zampino come produttore e, al pari di ciò che fa la Abarth per la Fiat, elabora un prodotto già buono di per sé, rendendolo memorabile.

Lo stile dei Nostri è fatto di un AOR immediato e accattivante, che nei brani più tirati riporta ai Pride Of Lions, ai Survivor, o ai più recenti Sunstorm. Le immancabili ballad, invece, hanno il sapore di journeyana memoria. Volendo trovare il pelo nell’uovo – senza romperlo -, le dodici tracce risultano fin troppo omogenee. Non ripetitive, si badi bene, ma forse eccessivamente uniformi.

I fratelli La Blanc, quindi, dopo una vita da mediano (per dirla alla Ligabue) abbandonano le retrovie del palco e stavolta ci mettono la faccia. E fanno bene, perché l’album si candida ad essere una delle rivelazioni del 2009.

Secondo Samuel Butler a parte l’uomo, tutti gli animali sanno che lo scopo della vita è godersela. Forse quest’album non aiuterà a colmare il divario di pensiero che esiste con tutte le altre bestie, ma di sicuro vi farà godere.

Pro

Contro

Scroll To Top