Home > Recensioni > Blindur: Blindur
  • Blindur: Blindur

    La Tempesta Dischi / Mastermusic

    Data di uscita: 13-01-2017

    Loudvision:
    Lettori:

Dopo tre anni dalla nascita del duo, un centinaio di date tra Italia ed Europa e numerosi premi, il 13 gennaio i Blindur hanno pubblicato il loro primo disco, composto da 9 tracce registrate in presa diretta. Il sound ricco e articolato trae ispirazione dal folk, l’indie e il post-rock creando un accostamento vincente col cantautorato italiano e l’uso di strumenti tradizionali e moderni dà al duo una completezza sicuramente degna di merito.
Blindur è poesia. E’ la metafora dell’artista sempre in cerca di qualcosa che gli manca, un sogno, una sensazione, la giusta ispirazione, ma che sa di non poterla trovare da nessuna parte se non dentro di sé. E’ la metafora dell’uomo moderno, oppresso dalla monotona quotidianità di una vita che trascorre troppo veloce e nella quale si trova ad essere solo di passaggio. Si tratta quindi di accettare di non avere il tempo di fare tutto o essere chiunque si voglia essere e che spesso bisogna prendere questa corsa come un gioco per non venirne schiacciati. Blindur è viaggio. Un continuo accostamento tra passato e presente, tra “il tuo universo” e l’ignoto, con la consapevolezza che tutto cambia, che non si può fermare il tempo e ci si ritrova, come in Foto di classe, a guardare vecchie foto chiedendosi dove siano quelle persone che sembravano essere indissolubilmente parte del tuo mondo, ma che in realtà erano su un treno incrociato durante il viaggio, con cui, per poco tempo, hai condiviso una fermata.
Blindur è un album da ascoltare ad occhi chiusi in qualsiasi posto ci si trovi.

 

di Ilaria Sutti

Pro

Contro

Scroll To Top