Home > Recensioni > Blink-182: California
  • Blink-182: California

    Blink 182

    BMG / ird

    Data di uscita: 01-07-2016

    Loudvision:
    Lettori:

“California” (BMG) è il settimo album in studio firmato dai Blink-182, rilasciato il 1 luglio del 2016. La sua prima caratterista è data sicuramente dall’assenza, dopo più di vent’anni di attività, del chitarrista e cofondatore del gruppo Tom DeLonge (causa la sua sfrenata passione per gli UFO!). Va da sé che rimpiazzare una pedina così importante non deve essere stato per nulla facile per Mark Hoppus (basso e voce) e Travis Barker (batteria), che alla fine hanno potuto confidare nella professionalità di “Matt” Skiba (già voce e chitarra degli Alkaline Trio). Il risultato è stato un disco registrato al Foxy Studios (LA) tra gennaio e marzo 2016 le cui potenzialità si legano (ovviamente) quasi esclusivamente allo storico marchio di fabbrica “Blink-182”.

L’album è un vero e proprio ritorno alle origini (citando le parole di Barker durante una recente intervista), se non un omaggio ai luoghi e alla subcultura dove il trio punk ha sempre vissuto e dove ha mosso i suoi primi passi nel panorama musicale. Se non bastasse, una celebrazione che passa attraverso brani come “Los Angeles”, “Kings Of The Weekend”, “San Diego” e “California”, e allo stesso tempo mantiene saldo quel filone tanto caro agli ex teenagers degli anni 90 che parla di disagi generazionali, rabbia e voglia di rivalsa (“Cynical”, “Bored To Death”, “Built This Pool”, “No Future”, “Sober” ecc.), riassumibile in un unico grande concetto: “crescere sì, ma restando vivi”!

Sostanzialmente, il disco scorre in maniera piuttosto fluida, senza aggiungere nulla di nuovo che già non si conoscesse della vecchia macchina da guerra pop punk che sono sempre stati i Blink-182, e senza predisporre oggettivamente quasi nessun brano a diventare una vera e propria hit, come magari accadeva in passato.

Pro

Contro

Scroll To Top