Home > Recensioni > Blitz Kids: The Good Youth
  • Blitz Kids: The Good Youth

    Red Bird Records / Self

    Data di uscita: 20-01-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Joe, Jono, Matt e Nic sono quattro giovinastri britannici che nel 2006 si son buttati nell’avventura alt-rock guardando a esempi quali Biffy Clyro e Deftones.
Il risultato del terzo disco, “The Good Youth”, è un qualcosa di molto vicino al sound dei Kids In Glass Houses, ma meno emoide. Diciamolo.
E qui si sente la manipolazione del celeberrimo produttore John Feldmann, che curò a suo tempo i lavori di Panic! At The Disco e All Time Low- giusto per citarne un paio.

I singoli “Sometimes”, “On My Own” e “Run For Cover” dimostrano un’energia invidiabile, che più o meno si spande nell’interezza dei brani; la punta di diamante rimane però “Perfect”, nonostante nessuno dei Blitz Kids ci abbia scommesso sopra eccessivamente.

La formula adottata in questo LP è di certo convincente per chiunque apprezzi il genere del rock alternativo con inserti post-hardcore.
La durata dei pezzi, i testi scritti con senno e gli arrangiamenti dall’elevata potenza e dal forte impatto emotivo segnalano che la band di Nantwich conosce bene i propri desideri e sa pure come sedurre chi la segue.
Una certezza è: non accade alcunché di mostruosamente sorprendente. Ma ci si può accontentare (?).

Pro

Contro

Scroll To Top