Home > Recensioni > Blondie: Panic Of Girls
  • Blondie: Panic Of Girls

    Blondie

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Distorsioni elettroniche

Blondie. “Panic Of Girls”. Potremmo aggiornare di nostra spontanea volontà la loro pagina Wikipedia declamando l’arte di saper suonare un’ottima miscela esplosiva di suoni elettronici e rock con un tocco femminile che rende un po’ rosa il nero del rock.
Indimenticabili Blondie e indimenticabile “Heart Of Glass”.

Le chitarre elettriche sono in ottima compagnia con l’elettronica che non spazia in nuovi suoni ma che dichiara l’importanza di quelli già suonati fin’ora.

Ritmi ben sostenuti che non annoiano durante tutto l’ascolto del disco, anche se la concentrazione continua a soffermarsi più sul loro passato dance che sui lavori successivi. A volte è difficile scrollarsi di dosso i propri scheletri.

Non solo fusione di rock, elettronica e bella voce femminile. Qui l’arte viene rappresentata a 360° con l’affascinante copertina che porta dentro l’immagine e trasporta in un mondo caotico, in movimento, con retroscena tetri. Guardare per credere.

Ricordate i Garbage? La carica esplosiva di Shirley Manson? Gli elettronici e rock anni ’90 sono tornati. Difficile però da digerire l’evoluzione reggae nel corso dell’ascolto del CD.

Pro

Contro

Scroll To Top