Home > Recensioni > Bloodbath: Bloodbath over Bloodstock
  • Bloodbath: Bloodbath over Bloodstock

    Bloodbath

    Data di uscita: 25-04-2011

    Loudvision:
    Lettori:

Freddo inferno

Dopo Wacken, in casa Bloodbath stavolta tocca al festival britannico di Bloodstock venire ripreso e proposto in home video: la scaletta, rispetto alla precedente uscita, è chiaramente incentrata sugli estratti dell’ultimo “The Fathomless Mastery”, originariamente interpretati da un Mikael Akerfeldt che si trova finalmente a poter offrire una prova live ampiamente dedicata a brani autografi.

Il sound è estremamente pulito, la regia, ancorché scolastica, è tecnicamente inappuntabile, la setlist equilibrata e piacevole (anche se desta perplessità la scelta di concludere con una sgonfia “Eaten”), la band offre una prestazione precisa e aggressiva – sebbene, come tanti ensemble scandinavi, appaia sostanzialmente distaccata, e un po’ statica.

Certo, essere svedesi e suonare con la luce del sole, quando si fa death metal old school, non deve essere proprio la condizione ideale per esprimersi. Ma i Bloodbath se la cavano con mestiere, sciorinando una prova apprezzabile, ma inserendosi in quella lunga tradizione di grandi band del profondo nord che su disco spaccano di brutto, mentre dal vivo non riescono a ricreare l’infernale magia che sono soliti spargere con la loro musica.

Detto questo, il DVD si fa apprezzare – meglio di “The Wacken Carnage” quanto a scaletta, peggio, indubbiamente, a livello di resa sonora, qui decisamente troppo leccata e incapace di travolgere lo spettatore come Akerfeldt & co sanno fare con maestria.

Pro

Contro

Scroll To Top