Home > Recensioni > Blues Pills: Lady In Gold
  • Blues Pills: Lady In Gold

    Nuclear Blast / none

    Data di uscita: 05-08-2016

    Loudvision:
    Lettori:

Per tutti i fanatici degli anni ’60, del movimento hippie e dei capelli lunghi il nuovo album dei Blues Pills è sicuramente un ascolto imperdibile. I musicisti infatti, dopo l’omonimo esordio 2014, sono tornati sulla loro macchina del tempo con “Lady in Gold”, altra grande conferma che il rock di mezzo secolo fa è vivo e pulsa ancora da qualche amplificatore Marshall. I Blues Pills riprendono i colori di Woodstock, le chitarre distorte dal fuzz hendrixiano, l’attitudine a farsi guidare dal flusso creativo tipico del blues e del rock in una sempre crescente estasi di pura ispirazione. Il viaggio proposto dalle pillole blues percorre acide strade psichedeliche  (Won’t go back), ballate più soft in cui la voce è protagonista indiscussa (I felt a change), canzoni articolate su fiati e chitarre in piena scuola classic americana (Bad talkers); ma il vero punto di forza è di riuscire a suonare come una band del ’69 senza invecchiarsi, senza un capello bianco, anzi giovani come solo un disco del 2016 potrebbe suonare.

Insomma, tornare nell’America dei figli dei fiori con Lady in Gold è possibile e lo dobbiamo solo a questa talentuosa band svedese. Si, avete letto bene. Svedese.

Pro

Contro

Scroll To Top