Home > Recensioni > Bob Dylan: Fallen Angels
  • Bob Dylan: Fallen Angels

    Bob Dylan

    Sony Music / Sony Music

    Data di uscita: 20-05-2016

    Loudvision:
    Lettori:

A 75 anni, Bob Dylan, il Menestrello del folk ha deciso di far uscire una sua ennesima fatica discografica intitolata “Fallen Angelssia in cd che vinile (Columbia/ Sony Music), e questa non contiene inediti. Dylan ha infatti deciso di omaggiare 12 classici americani firmati da alcuni dei compositori più acclamati e influenti della storia della musica.

A prendere il testimone dalle icone del passato ha iniziato lo scorso anno con “”Shadows in the Night, che ci aveva fatto scoprire un lato di Dylan quasi inedito: intimista,e rispettoso della forma, contro la sua tendenza ad alterare il repertorio in chiave live. Con Fallen Angels si tratta di canzoni rese celebri da Sinatra (con l’eccezione di Skylark, scritta da Johnny Mercer) reinterpretata in chiave – se possibile – ancora più confidenziale.

Tra tutte, spicca la bellssima versione di “Come rain or shine”  in passato incisa da Frank Sinatra, Ella Fitzgerald ed Eric Clapton nel disco con B.B. King.

Con “That Black Old Magic”, incisa nel 1942 da Glenn Miller, e poi cantata anche da Marilyn Monroe nel film del 1958Bus Stop, Dylan è capace di ricondurre la mente dell’ascoltatore in una New York in bianco e nero di Woody Allen.

Ha esattamente quel suono “It had to be you”, uno standard del 1924, eseguita anche da Dooley Wilson nel cult movie Casablanca.  “Young at heart”, del 1953, è famosa per l’interpretazione di Sinatra che ne fece un hit da milioni di copie.

Sempre dal catalogo di Frank arrivano “Melancholy Mood” e “All the way”, brano straordinario (inciso anche da Mina nel 2005che nella versione di Dylan decolla fino a diventare la cosa migliore del disco.

Pro

Contro

Scroll To Top