Home > Recensioni > Bobo Rondelli: L’Ora Dell’Ormai
  • Bobo Rondelli: L’Ora Dell’Ormai

    Bobo Rondelli

    Data di uscita: 25-10-2011

    Loudvision:
    Lettori:

Le sonorità elettive

Si è fermato il tempo. Bobo Rondelli l’ha immobilizzato rendendolo eternità.
Avete presente il color seppia delle vecchie fotografie? “L’Ora Dell’Ormai” sembra esser stato concepito in quella tonalità.

Bobo Vox ci canta le sue ricchissime sfumature pubblicando, dopo la fine del suo matrimonio, un lavoro costruito come un percorso che riscopre tutte le forme d’amore, omaggiate in canto e poesia.

Proprio quest’ultima nelle scelte estetiche del cantautore livornese ha sempre rivestito un ruolo fondamentale grazie soprattutto all’incontro col poeta Franco Loi che ha scritto per l’ Album il testo di “Sì A Me Delle Donne” e ha recitato una sua poesia nel brano che porta il suo nome.

“Per amarti che ti lascio andare, non ti posso qui più trattenere, dentro queste stanze, in quattro mura, che più del mare ci fanno paura”.
Se l’ormai è il momento in cui si può contemplare placidamente ciò che è finito, è anche quello di un nuovo inizio. Bobo ha ricominciato riproponendo temi a lui cari con tratti di nostalgica spensieratezza adottando più registri musicali. Il suadente tango di ” Livorno Nocturne” ben si congiunge alla semplicità di “Tu Mi Fai Cantare” o alla folkeggiante “Sporco Denaro”. Il cantautore bravissimo nel non cadere nell’errore della disomogeneità ha trovato nella memoria il naturale raccordo per la musica.
Stato di assoluta grazia.

Pro

Contro

Scroll To Top