Home > Recensioni > Bonnie “Prince” Billy: Wolfroy Goes To Town

Correlati

It’s time to be clear

Un’opera compatta, organica, che non delude, senza nulla di superfluo, nulla che stufa, nulla che non dovrenbe esserci, il cui apice è raggiunto da “New Tibet”. L’album mischia classe e folk rustico (piuttosto country blues) in modo spesso straziante: è cosa nota che Bonnie Prince Billy spesso tratti di drammi esistenziali e lo faccia in forme adatte al tema trattato.

Le liriche come sempre sono profonde, toccanti ed intelligenti, e alcuni accorgimenti esecutivi, come il duetto con Will Oldham (il Bonnie Prince Billy) in “New Whaling” lo dimostra e sottolinea di Angel Olson, alla voce. Con lei, Ben Boye (tastiere e voce), Van Campbell (batteria), Shahzad Ismaily (percussioni, chitarra e voce), Emmett Kelly (chitarra e mandolino e cori) e Danny Kiely (basso).
Non c’è un vero lirismo, ad essere onesti, ma l’album è di tutto rispetto e non delude le aspettative, continuando un percorso iniziato tredici album fa.

Pro

Contro

Scroll To Top