Home > Recensioni > Book Of Reflections: Relentless Fighter
  • Book Of Reflections: Relentless Fighter

    Book Of Reflections

    Data di uscita: 18-06-2012

    Loudvision:
    Lettori:

Speed of light

Un nome oscuro per molti, i Book Of Reflections sono il progetto più orientato al prog metal del polistrumentista e produttore svedese Lars Eric Mattson, boss dell’etichetta discografica Lion Music.

Metal arzigogolato dunque, con una giungla di veloci intrecci chitarristici o occupare la scena, tastiere alla Dream Theater e sezioni piane ispirate dal power continentale. Oltre al tasso tecnico, è la rapidità esecutiva il principale orgoglio dei brani. Ben due i cantanti che, una traccia a testa, si alternano dietro al microfono, simili per impostazione canora, adulta e un po’ roca. L’accento posto sulla sezione strumentale non soffoca la forma canzone, per esempio nella moderna “Bleeding Dry” o nella più canonica “Until The Day”.

Amanti della chitarra prog – ma non solo – il terzo disco dei Book Of Reflections è pane per i vostri denti. “Relentless Fighter” è un disco di genere, implacabile e frenetico nel ritmo, un vero e proprio sfoggio di stile. In questo contesto, la percezione di un “sentimento” che balugini attraverso l’ascia a sette corde è una questione molto relativa, soggettiva. Stesso discorso per la creatività.

Pro

Contro

Scroll To Top