Home > Recensioni > Borealis: Fall From Grace
  • Borealis: Fall From Grace

    Borealis

    Loudvision:
    Lettori:

Come un’aurora boreale

I Borealis nascono nel 2005 in Canada, dopo un esordio autoprodotto si presentano al grande pubblico con il nuovissimo “Fall From Grace”, disco spiccatamente power/prog che una volta entrato nei vostri lettori cd difficilmente se ne andrà in fretta.

Un disco complesso, a tratti difficile da metabolizzare, ma di altissima qualità sia per le ottime capacità del cantante/chitarrista Matt Marinelli sia per le melodie e l’energia che lo caratterizzano: esprime già una certa maturità della band, pur presentando l’influenza dei big che hanno accompagnato nelle loro ultime esibizioni.

Non è facile trovare il giusto equilibrio tra tecnicismo e passionalità, ma in questo caso i Borealis ce l’hanno fatta: propongono un album di tutto rispetto capace di spaziare dal power al prog, con influenze trash e melodiche, ottenendo risultati ben sopra la media. Da segnalare anche l’artwork particolarmente curato, che in questo caso non può che impreziosire un lavoro già di per sé molto bello e curato.

Pro

Contro

Scroll To Top