Home > Zoom > “Born Villain”

“Born Villain”

“Marilyn Manson è tornato”, “Marilyn Manson è morto e risorto”, questi molti dei titoli che si leggono a pochi giorni dall’uscita di “Born Villain”, ottavo album in studio della band americana rilasciato ieri 1° maggio, che arriva a tre anni da “The High End of Low”. In realtà Manson non è mai sparito da sotto i riflettori, soprattutto per i flirt e le presunte relazioni amorose, ma anche per qualche apparizione con i colleghi Rammstein e con l’amico Johnny Depp.

Quanto al nuovo album, anticipato dal singolo di sicuro appeal “No Reflection” uscito lo scorso marzo, dobbiamo riconoscere un lavoro accurato, meticolosamente arrangiato e mixato, un disco in cui si alternano con armonia ed equilibrio momenti di violenza ad alto tasso adrenalinico e ritmiche più suadenti. Del resto anche il primo video ufficiale rispecchia questa ricerca nel dettaglio, estremo ma che difficilmente sconfina nel blasfemo, forte ma che strizza l’occhio al glamour e all’universale attrazione per l’oscuro.

Chi pensava che dal Reverendo non potesse più uscire nulla di veramente godibile potrà a nostro avviso ricredersi e concedergli un’altra possibilità. Lo stesso Manson ha dichiarato di essersi isolato dal mondo circostante per ritrovare concentrazione e ispirazione e probabilmente non è stata una scelta sbagliata. Del resto la band resta uno dei capisaldi del rock unito all’industrial, al gotico e all’alternative, un genere ibrido nel quale, dopo di loro, nessuno ha mai veramente”osato” avventurarsi. E per ora lo scettro rimane più o meno saldo nelle loro mani.

Posto che i Marilyn Manson non ci hanno mai del tutto delusi – nonostante ci siano indiscutibilmente state diverse parabole discendenti negli ultimi anni – “Born Villain” è una fresca boccata di ossigeno, un’efficace incursione nel mondo dell’inquietudine e dell’oscurità, uno “schiaffo” sonoro di cui si sentiva la mancanza.

Quel che lascia semmai perplessi è il pensiero di come la band, e Brian Warner in primis, affronterà la sfida del tour appena partito, perché ultimamente Manson è apparso alquanto affaticato, appesantito e assolutamente non in grado di reggere uno show dignitoso. Ma questo verrà scandagliato approfonditamente in altra sede… stay tuned.

Scroll To Top