Home > Recensioni > Brian Howe: Circus Bar
  • Brian Howe: Circus Bar

    Brian Howe

    Data di uscita: 26-02-2010

    Loudvision:
    Lettori:

He’s back!

È tornato in campo Brian Howe tredici anni dopo l’uscita del suo primo e unico album solista “Tangled In Blue”. Il cantante, conosciuto ai più per aver sostituito Paul Rodgers nei Bad Company e per aver inciso nel 1984 “Penetrator” di Ted Nugent, torna a far parlare di se con il nuovo “Circus Bar”: classico AOR da classifica dalla forte componente blues rock. Per tutti gli amanti del Bryan Adams prima maniera, un disco da ascoltare preferibilmente in auto, da soli sulle desertiche e assolate highways americane.

La prima parte del disco è composta da ottimi brani: evocativi, malinconici ma allo stesso avvincenti, insomma dei potenziali super singoli, poi, forse a causa dell’eccessiva quantità di materiale musicale, il livello qualitativo scema leggermente. Superlativa la produzione cristallina affidata alle sapienti mani di Raff McKenna che esalta a dovere le chitarre bluesy e la voce sempreverde di un Brian Howe in grande spolvero.

Pro

Contro

Scroll To Top