Home > Recensioni > Broken Bells: Broken Bells
  • Broken Bells: Broken Bells

    Broken Bells

    Loudvision:
    Lettori:

La strana coppia

“The Odd Couple” era il titolo del primo disco dei Gnarls Barkley, altro progetto di Danger Mouse, ma la definizione calzerebbe a maggior ragione in questo caso, visto che a collaborare col poliedrico e indaffarato produttore statunitense troviamo James Mercer, leader degli Shins e musicista dunque lontano dall’ambito hip-hop, ma che era già entrato in contatto col topo per il progetto “Dark Night Of The Soul”.

A nome Broken Bells i due hanno pubblicato questo disco di indie pop sicuramente molto vicino alle sonorità del gruppo di Mercer, ma che si giova di una produzione e di arrangiamenti più ricchi e variegati di quelli a cui sono abituati i fan degli Shins.

“Broken Bells” non è un disco che punta sull’impatto, e i dieci ricamini pop di cui è composto vanno presi ed apprezzati per quello che sono, cercando soddisfazioni nella cura per i dettagli sia per quanto riguarda i suoni che le canzoni.
Molti avranno spesso pensato che gli Shins confinassero fin troppo con l’insignificanza, e il lavoro di Danger Mouse era probabilmente proprio quello che ci voleva per infondere linfa in un sound nato vecchio e senza particolari sussulti.

Pro

Contro

Scroll To Top