Home > Recensioni > Bruce Springsteen: Chapter And Verse
  • Bruce Springsteen: Chapter And Verse

    Bruce Springsteen

    Columbia Records / Sony Music

    Data di uscita: 23-09-2016

    Loudvision:
    Lettori:

Sarà un mese di settembre molto carico per i numerosi fan di Bruce Springsteen, ancora impegnato nel trionfale The River Tour, che ha fatto tappa in Italia con due concerti allo Stadio San Siro di Milano e uno al Circo Massimo di Roma e che ieri, 23 settembre, all’alba delle sue 67 primavere di vita, lancia il suo ultimo capolavoro musicale “Chapter and verse”, per la Columbia.
Ma le sorprese non finiscono qui, per il 27 settembre è previsto il lancio della sua autobiografia “Born to run”, che ha richiesto una gestazione di sette anni, in uscita in tutto il mondo e pubblicata in Italia da Mondadori.

Per quanto riguarda invece il disco Chapter and verse, complementare alla lettura del libro, è disponibile in formato CD, doppio LP, download digitale e streaming con 18 brani in scaletta di cui 5 inediti.
I brani di Chapter and Verse scelti da Springsteen riflettono i temi e le sezioni del libro Born to Run. La raccolta inizia con due brani dei Castiles, che vedono uno Springsteen adolescente alla voce e alla chitarra, e si chiude con la title track di Wrecking Ball datata 2012. Le canzoni del disco tracciano la storia musicale di Bruce dai suoi esordi e raccontano una storia che procede in parallelo con la narrazione del libro.

I titoli sono celebri, ovviamente: Born to run per l’appunto, The river, Badlands, The ghost of Tom Joad, Born in Usa, The rising, e altro ancora, come se fosse davvero un indice da sfogliare per rievocare la sua storia, capitolo dopo capitolo, ma se l’occasione è comunque l’autobiografia c’era bisogno di qualcosa in più della semplice antologia, anche se per offrire una ragionevole quota di novità si trattava di mettere in piazza, e anche con una certa spudoratezza, pezzi inediti della sua preistoria, ovvero del periodo che precede l’uscita del suo primo album, Greetings from Asbury Park, N.J., pubblicato nell’anno di grazia 1973.
I 5 inediti riflettono registrazioni piuttosto spartane, ma lasciano trasparire la grinta di un giovane che cerca il modo più efficace per farsi largo nell’escape musicale americano.

Pro

Contro

Scroll To Top