Home > Recensioni > Bruce Springsteen: Collection: 1973-2012
  • Bruce Springsteen: Collection: 1973-2012

    Bruce Springsteen

    Data di uscita: 16-04-2013

    Loudvision:
    Lettori:

Il lungo viaggio del Boss attraverso gli U.S.A.

Una collection per festeggiare il grande tour con cui Bruce Springsteen farà tappa in diversi Paesi in giro per il mondo. Pubblicata solo laddove il Boss si esibirà – Italia compresa – la raccolta percorre, in ordine rigorosamente cronologico, quattro decenni di musica, dal 1973 di “Rosalita (Come Out Tonight)”, tratta da “The Wild, The Innocent & The E-Street Shuffle”, fino al 2012 di “We Take Care Of Our Own” e “Wrecking Ball”. Tema principe della raccolta, come già suggerisce la copertina, è il viaggio attraverso quegli Stati Uniti che sono sempre stati il paesaggio di una carriera formidabile: non mancano quindi “Born In The U.S.A.”, ma neanche “Streets Of Philadelphia”, passando per “Atlantic City” e “The Promise Land”.

Non un greatest hits, ma una vera e propria collection tutta incentrata sugli Stati Uniti, che funziona quasi come album a sé, e che si ascolta (o ri-ascolta) con un piacere che è spiazzante e commovente. Forse la scelta migliore, per i più giovani, per approcciarsi a Bruce Springsteen, reduce da quello splendido album della maturità che è “Wrecking Ball”. Nessun inedito, nessuna sorpresa, ma quando si è il Boss del Rock non se ne sente davvero il bisogno.

Pro

Contro

Scroll To Top