Home > Recensioni > Buffalo Summer: Second Sun
  • Buffalo Summer: Second Sun

    UDR MUSIC / warner

    Data di uscita: 20-05-2016

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

“Second Sun” (UDR/Warner) è il secondo album dei Buffalo Summer, band originaria del Galles composta da Andrew Hunt (voce), Johnny Williams (chitarra), Darren King (basso) e Gareth Hunt (batteria). Cresciuti immersi nella misticità delle terre inglesi del sud ovest, i 4 ragazzi hanno sempre seguito nel loro percorso artistico le orme tracciate dai grandi maestri del rock come Led Zeppelin, Deep Purple e Whitesnake, fino ad approdare al loro primo vero esperimento discografico omonimo (2013), autoprodotto e distribuito dalla Cargo Records. Con il successo dell’album, cui ha fatto seguito una lunga serie di concerti ed esibizioni, la band viene messa sotto contratto dall’etichetta UDR, che nella primavera del 2014 permette ai 4 rockers gallesi di registrare il nuovo disco presso il Mwnci (Monkey) Studios di Dyfed.

“Money” apre le danze con un blues rock violento e coinvolgente, un mood che viene mantenuto anche dalle tracce successive come “Heartbreakin’ Floorshakin’”, “Make You Mine” e “As High As The Pines”, fino a smorzare (relativamente) il sound con la simil ballad “Light Of The Sun”. I fuochi si riaccendono con lo slide riff di “Levitate” e il tiro del disco resta alto fino alla fine grazie soprattutto a brani travolgenti come “Little Charles” (puro rock viscerale) e blueseggianti come l’evocativa “Priscilla”.

“Second Sun” è un album che conquista sin dal primo ascolto, perché si configura come il degno erede di quella tradizione blues/hard rock alla quale troppo spesso guardiamo indietro nel tempo con inevitabile nostalgia (vista soprattutto la produzione musicale contemporanea). Su le cuffie e alzate il volume!

Pro

Contro

Scroll To Top