Home > Recensioni > Bullet: Full Pull
  • Bullet: Full Pull

    Bullet

    Data di uscita: 30-04-7037

    Loudvision:
    Lettori:

Grosso calibro,traiettoria imprecisa

Quarto album,e primo su Nuclear Blast, per gli svedesi Bullet, quintetto che propone un hard rock à la AC/DC venato di metal sulla scia degli Accept.
Per molti versi “Full Pull” si colloca decisamente in linea con la produzione precedente: preponderanti riff di chitarre rigorosamente distorte, con una ritmica solida e dritta e le energiche grida abrasive della voce.

Si avverte tuttavia una certa stanchezza nella composizione che si riflette in un certo numero di canzoni piuttosto anonime e in una produzione non particolarmente interessante, che non fa emergere del tutto il sound potenzialmente incendiario della band.
Il lavoro nel complesso è comunque buono e contiene pezzi sicuramente meritevoli, come ad esempio “Running Away”.

Non è sicuramente facile suonare un hard rock con delle influenze così forti e riuscire ad avere personalità. I Bullet sono riusciti a compiere già metà dell’opera ed è comprensibile che arrivati al quarto album possano accusare una certa scarsità di nuove idee. Gli va dato atto di averci comunque provato, cercando di sviluppare maggiormente le influenze metal, con un sound un po’ più cupo. Solo che l’operazione non è riuscita appieno. Comunque il lavoro mantiene un buon livello e rende fiduciosi che il prossimo avrà le possibilità di fare un centro perfetto.

Pro

Contro

Scroll To Top