Home > Recensioni > Caceres: Noche De Carnaval
  • Caceres: Noche De Carnaval

    Caceres

    Loudvision:
    Lettori:

Per gli amanti del genere

Juan Carlos Cáceres è un cantante e compositore polistrumentista argentino ultrasessantenne. Ha all’attivo una cosa come 14 dischi. Dal 1968 vive a Parigi ma non ha mai dimenticato Buenos Aires.
Grazie ad un’immensa conoscenza musicale, amalgama ritmi afro-latini allo swing nero per eccellenza: il jazz.

Tuttavia, il genere che Cáceres predilige senza ombra di dubbio è la murga, tipico del carnevale di Buenos Aires, durante il quale fra canti e danze si creano dei veri e propri spettacoli per le vie della città, a ritmi concitati e chiassosi.

Punto di forza: i testi di Cáceres così come le tematiche dei canti da strada, hanno in comune le problematiche sociali, che vengono trasformate grazie ad un’ironia e ad una satira caustiche ed argute.

Che meraviglia la prima traccia di questo album! Un charleston ben fatto, rifinito e che suona davvero strano con quella voce spagnola profonda, da “mi sono svegliato da tipo 2 minuti e ho già fumato 4 sigarette”.

Peccato che il resto sia la solita lagna sudamericana, che lega il tango ai canti popolari. Per cui il risultato – per un orecchio non abituato al genere – è un tango cantato dagli Inti Illimani.

Pro

Contro

Scroll To Top