Home > Recensioni > Cactus?: No People Party
  • Cactus?: No People Party

    Costello's Records / none

    Data di uscita: 22-02-2019

    Loudvision:
    Lettori:

In un mondo (musicale) in cui prevale ciò che vende a discapito di ciò che vale, in cui ciò che è “alla moda” regna sovrano, c’è un disperato bisogno di originalità. Di ascoltare qualcosa di fresco, di nuovo, che non abbia l’amaro sapore del già sentito. Di conoscere qualcuno che sappia sorprendere. E, per fortuna, esiste ancora qualcuno capace di farlo. Come i Cactus?, con il loro album di esordio, “No People Party”, arrivato a circa tre anni di distanza dall’EP “Sorry For My Accent”.

No People Party è arrivare ad una festa e ritrovarsi soli in una stanza vuota, trattenuti da un disco in loop, circondati da neon”. Una festa a chiunque è invitato, in cui chiunque può ballare. Ma non si balla soltanto. Si piange, in “See Me Cry”, si riflette in “Shy Hearts Club”, inno per le notti e i brindisi solitari. E ancora, ci si può abbandonare alla malinconia in “Sam Battle”, che racconta un amore non corrisposto. Insomma, ce n’è per tutti i gusti. Il minimo comune denominatore è l’indie rock, declinabile qui in (quasi) tutte le sue sfaccettature. Negli otto brani che compongono “No People Party” lo-fi e chitarre frenetiche si mischiano in un cocktail sonoro fresco e immediato. Se già un paio di anni fa i Cactus? Erano riusciti a guadagnare l’apprezzamento del celebre Domino Records (etichetta di band come gli Arctic Monkeys, Franz Ferdinand, tanto per citarne due), che ha inserito “I Don’t Think It’s Good For You To Stop Smoking” in una delle sue playlist mensili, sono sicura che con questo lavoro avranno ottenuto un numero ancora superiore di consensi.

Sì, perché la musica italiana ha bisogno di più band come loro.

Pro

Contro

Scroll To Top