Home > Recensioni > Calvin Harris: 18 Months
  • Calvin Harris: 18 Months

    Calvin Harris

    Data di uscita: 30-10-2012

    Loudvision:
    Lettori:

Non ti salvi solo perché sei dell’84

Ve lo ricordate quando diceva che se eri nato negli anni Ottanta allora eri un figo e ti amava volentieri? Bene, scordatevi QUEL Calvin Harris. Scordatevi anche quello che faceva il provolone al club in compagnia di Dizzee Rascal- “Dance Wiv Me” la dice lunga-, perché qui, in un anno e mezzo (18 mesi appunto) il produttore britannico di roba forte e innovativa non è che ne abbia sfornata molta.

Certo è innegabile la tendenza alle collaborazioni in rosa: Rihanna, Florence Welch, Ellie Goulding sono solo alcune delle cantanti che hanno preso parte a questo progetto. Tinie Tempah appare invece sulla sponda dei maschi, benché Rascal con “Here 2 China” lo metta in forte imbarazzo.
Hit e pop, pop e hit, ma non aspettatevi altro.

Calvin, lo sai anche tu che ormai sei diventato prevedibile nonché monotono a dismisura, e non si tratta di essere favorevoli o meno alla musica nu-dance/electro house contemporanea, per nulla affatto.
Se avessi voluto affrontare il problema sicuramente non avresti mandato in produzione un LP del genere, sii sincero. Con noi, ma in primis con te stesso. Ti diamo un buffetto sulla guancia.

Pro

Contro

Scroll To Top