Home > Rubriche > Eventi > Cannes 2014, Nicole Kidman presenta “Grace di Monaco”

Cannes 2014, Nicole Kidman presenta “Grace di Monaco”

«Nell’attrice che avrebbe dovuto interpretare Grace cercavo non solo somiglianza fisica ma un’affinità di spirito»: Olivier Dahan presenta oggi al Festival di Cannes il suo “Grace di Monaco“, film di apertura della 67esima edizione (qui la nostra recensione), con Nicole Kidman nei panni della diva e principessa Grace Kelly.

E cosa dice Nicole Kidman della sua Grace?
Mi è capitato altre volte di interpretare personaggi realmente esistiti ma Grace Kelly ha rappresentato un’esperienza unica: avevo naturalmente a disposizione tantissimo materiale audiovisivo per studiare la sua voce, i suoi movimenti, il suo modo di porsi. Ben sei mesi di preparazione per entrare nella pelle di Grace, trovare la sua essenza e vivere la sua vita per il tempo delle riprese. Grace era mossa da grande passione e curiosità per la vita, che si riflettevano anche nelle sue scelte d’attrice, e da una fortissima dignità. Voglio citare infine anche la nostra bravissima costumista, Gigi Lepage: per me il suo lavoro è stato fondamentale.

Tim Roth è Ranieri di Monaco: come si è preparato?
Nel mio caso la mole di materiale era minore, Ranieri è stato meno filmato rispetto a Grace, ma è stato un bene: ho avuto maggiore libertà nell’inventare il personaggio.

Paz Vega interpreta Maria Callas.
Ho accettato subito, appena letta la sceneggiatura. Non capita spesso un ruolo come questo, mi è parsa una bellissima opportunità.

La famiglia Grimaldi si è dichiarata contraria al film. Cosa ne pensa Nicole Kidman?
Ne sono dispiaciuta. “Grace di Monaco” è un’opera di finzione, non un film biografico in senso stretto. Ci siamo presi delle licenze drammatiche ma senza intenti malevoli. D’altra parte però comprendo la posizione di Stéphanie, Albert e Caroline Grimaldi: quelli che noi incarniamo sullo schermo sono i loro genitori.

Scroll To Top