Home > Recensioni > Canova: Vivi per sempre
  • Canova: Vivi per sempre

    Maciste Dischi / Artist First/Believe

    Data di uscita: 01-03-2019

    Loudvision:
    Lettori:

Esistono dischi in grado di accompagnare i nostri passi. Questo è “Vivi Per Sempre” (Maciste Dischi/distribuito da Artist First), che uscirà il prossimo 1 marzo, secondo appuntamento discografico per i Canova, band milanese dalle luci soffuse e delicate. Un album che racchiude nove tracce a sé stanti da ascoltare tutte d’un fiato, nove istantanee che fluttuano tra il pop dai colori pastello al rock più armonioso, sonorità che si portano dietro già dal loro disco precedente “Avete ragione tutti”.  Apparentemente, il sound del disco può sembrare fragile e vulnerabile ma la profondità, l’equilibrio per l’apparente leggerezza dei suoni arricchisce ancora di più  la penna di Mobrici.

Una scrittura decisamente cresciuta, che segna in punta di piedi l’intero album. Ci sono i sentimenti, le notti insonni, le rincorse, le sigarette e le domeniche noiose. E la copertina ci racconta già tutto o quasi, “Vivi Per Sempre” è un turbine di sensazioni vere, forti perché i Canova d’altronde sono anche questo. Di quelli che in fondo gli piace rimanere estasiati dalle emozioni dalla solita vita scapigliata. Ce lo raccontano nei loro pezzi, come in “14 sigarette” (.. se è vero che hai già toccato il fondo, tu lo conosci già. È  una vita che chiedi d’ avere e mai nessuno che ti da…), una canzone che parla di di vizi ma anche di fragilità e disincanto.

Sal sapore più rock’n’roll e malinconico è invece “Domenicamara”, che parla di un abbandono selvaggio, e del fatto che che non bisogna avere paura di mostrare le proprie fragilità.

Goodbye goodbye” scritta subito dopo la visita agli Abbey Road studios, rappresenta quell’amore-odio nei confronti di una città sogno che sembra aver perso ormai i suo colori. Altre sfumature sono contenute invece in  “Per te” che svela l’anima più romantica e cantautorale della band e in “Ho capito che non eravamo” dal sapore chiaramente agrodolce. Cosa potrebbe nascere tra un cantante e una fan al di fuori dei loro ruoli? I Canova hanno provato a descriverlo con “Groupie”, svelando quella fantasia poetica e sognatrice di chi la musica la sente penetrare fin dentro le ossa. “Vivi per sempre” , la title track nonché ultima canzone dell’album, è un inno all’apatia (… sempre niente, da non vedere più niente, da non sentire più niente…).

“Vivi Per Sempre” è un viaggio interiore, confusionario e sanguigno, dove il fascino per le emozioni vere prende il sopravvento. e tutto ciò che ti viene da fare è chiudere gli occhi e sognare, o meglio ancora iniziare a vivere



.

 

Pro

Contro

Scroll To Top