Home > Recensioni > Capitan Love: The Wasted Years Of Capitan Love
  • Capitan Love: The Wasted Years Of Capitan Love

    Capitan Love

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Capitan amore e fantasia

Capitan Love è un progetto che fa capo ad un uomo solo, Raniero Spinelli, autore udinese dalle spiccate qualità compositive arrivato alla pubblicazione del suo primo lavoro.

Bowie, Barrett, Neutral Milk Hotel mischiati ad un pizzico di immancabili Beatles, il tutto amalgamato per bene ci dà la possibilità di ascoltare un lavoro molto buono, eterogeneo e interessantissimo. Si va dalle classiche ballad acustiche ad un electro-pop pieno stile “Lodger” fino a raggiungere sonorità blur-iane.

Dopo aver militato negli Erotics, questo fresco disco estivo in free download che ci fa scoprire un artista davvero sorprendente.

“A Cathartic Song”, che apre l’album, dura meno di un minuto e ci fa tornare in mente i Neutral Milk Hotel più scanzonati e spensierati. “Lo Stagno Delle Rane” è l’unico episodio acustico e minimale, coinvolgente e struggente. Dopo questo momento riflessivo “Kitchen Flower” accelera il ritmo, così come “Rose”, beatlesiana che più beatlesiana non si può. Nel complesso è un disco razionale, anche se la sregolatezza alla Barrett non manca. La chiusura, con la malinconica “The Sky Tonight” a condurci verso un triste finale, è in netto contrasto con l’allegria sprigionata nei precedenti brani. Ma ci vuole anche questo, per dare completezza di sensazioni e suoni ad un disco coinvolgente e ben strutturato.

Pro

Contro

Scroll To Top