Home > Recensioni > Captain America: The Winter Soldier
  • Captain America: The Winter Soldier

    Loudvision:
    Lettori:

Steve Rogers (Chris Evans) torna sul grande schermo con lo scopo più o meno conclamato di preparare il terreno al prossimo “Avengers: Age of Ultron”, con un film dal budget stellare e con un respiro simile a quello del mega blockbuster diretto da Joss Whedon. Dopo essere stato scongelato e aver salvato New York insieme ai Vendicatori, Captain America comincia ad ambientarsi nel mondo moderno e a svolgere incarichi per lo S.H.I.E.L.D., sempre più spedito nel suo cammino di militarizzazione e controllo globale.

I dubbi di Steve circa l’operato di Nick Fury (Samuel L. Jackson) si fanno sempre più insistenti via via che la sua collaborazione in missione con l’ambigua Vedova Nera (Scarlett Johansson) gli rivela i veri interessi dell’organizzazione. Quando però lo S.H.I.E.L.D. verrà seriamente compromesso e la sicurezza del pianeta tornerà in pericolo, il Capitano non si tirerà indietro, nemmeno di fronte al letale Soldato d’Inverno, un incubo che sembra riemergere dritto dritto dalla prima vita dell’eroe americano…

Rogers è forse il personaggio meno riuscito tra i Vendicatori, almeno considerando il carisma e il materiale originale a disposizione. “Captain America: The Winter Soldier” rende finalmente giustizia a una delle colonne morali dell’universo Marvel, con un film dalla trama complessa, in grado di restituire genuinamente l’eroismo di un Chris Evans a cui si è finalmente scongelata la faccia.

Oltre a una regia convincente, una svolta decisa verso l’azione adrenalinica e l’inserimento di personaggi chiave per Captain America, a fare davvero la differenza è l’uso sapiente di personaggi già ampiamente rodati e il coinvolgimento dell’intero carrozzone dello S.H.I.E.L.D., capaci di portare l’intera trama su un’altro livello e di sopperire alla mancanza di appeal che talvolta il Capitano continua ad evidenziare.

Per livello distruttivo degli effetti speciale, colpi di scena e personaggi coinvolti non è errato considerare questo secondo film dedicato a Rogers un Avengers 1.5. Sicuramente migliore del predecessore e del secondo capitolo di “Thor”, se non temete l’azione risulterà uno dei migliori film Marvel degli ultimi anni.

P.S. Ricordatevi di rimanere in sala fino alla fine dei titoli di coda, ci sono DUE scene extra!

Pro

Contro

Scroll To Top