Home > Recensioni > Cardiophobia: Cardiophobia
  • Cardiophobia: Cardiophobia

    Cardiophobia

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Autunno alternativo

Autunnali in tutto i Cardiophobia da Rimini. Dalla label, ai titoli dei brani proposti, alle sonorità in essi toccate.

L’estro creativo non manca, come dimostrano la frizzante “Non Sei Più Tu” o la iniziale “Niente Di Speciale”. Evidenti le sfumature wave, soprattutto per quanto riguarda le partiture chitarristiche.

L’anima indie/alternative è ben presente un po’ ovunque nelle tracce del CD, in particolare in brani come “Cardiophobia” con i suoi ritmi sincopati e le sue dissonanze. Non sempre convincente la voce, nonostante riesca comunque a risultare gradevole.

Album ben studiato questo full-length dei Cardiophobia, che farà senz’altro la gioia degli amanti dell’alternative italiano.
Ma anche chi ama la wave ed il rock può trovare interessanti spunti dalle song della giovane band romagnola.
Qualche margine di miglioramento c’è, ma la sostanza si fa già sentire.

Pro

Contro

Scroll To Top