Home > Recensioni > Carlot-ta: Songs Of Mountain Stream
  • Carlot-ta: Songs Of Mountain Stream

    Brumaio Records / none

    Data di uscita: 20-09-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Ci avevano visto bene quelli del premio Tenco, quando nel 2010 l’avevano invitata al festival come ospite. Carlot-ta allora aveva solo vent’anni. Oggi di anni ne ha ventiquattro, e a separarla da quella sua prima apparizione sulla scena musicale ci sono due album – “Make Me A Picture Of The Sun”, del 2011, e il nuovo “Songs Of Mountain Stream” – che, bisogna dirlo, confermano ampiamente il talento di cui la giovane cantautrice piemontese aveva già dato prova sul palco, quattro anni fa.

Non capita di senitrne tutti i giorni, di roba così. A colpire, anche in un mondo vasto e variopinto come quello dell’indie italiano, sono soprattutto l’originalità e la versatilità nell’uso della strumentazione. Perché si: Carlot-ta, oltre a essere cantautrice, è anche polistrumentista.

Mettiamoci, quindi, tanti strumenti, ognuno utilizzato nel modo e nel luogo più giusti. Mettiamoci una bella voce, inconfondibile, ma capace di adattarsi sempre alle caratteristiche di ogni pezzo, da quello più ironico a quello più sentimentale. E mettiamoci, last but not least, una scrittura non da poco, che recupera e riattualizza forme tradizionali – come in “Sick To The Heart” – e nello stesso tempo valorizza e arricchisce strutture tipicamente pop – come in “The River”. Con ingredienti così, il risultato non poteva essere da meno.

Pro

Contro

Scroll To Top