Home > Recensioni > Caro Emerald: Deleted Scenes From The Cutting Room Floor
  • Caro Emerald: Deleted Scenes From The Cutting Room Floor

    Caro Emerald

    Data di uscita: 01-01-2010

    Loudvision:
    Lettori:

Olanda anni venti

Il nome Caroline Esmeralda Van Der Leeuw fa pensare a tutto fuorché a una donna d’anni (quasi) trenta, ben piazzata e moracciona. Soprattutto se si considera che è olandese.

Ebbene, si dà il caso che costei sia la nuova icona del ballroom jazz, un genere nato per far ballare la gente nelle apposite sale da ballo -per l’appunto -, ora ripreso e adattato alla modernità dei tempi.

Non suoni strano, dunque, che lo scratch da dj e le basi hip-hop si sovrappongano agli ottoni, alla batteria sostenuta e alle chitarre affiancate dagli archi retrò. Con la sua voce lineare, piacevole e per nulla virtuosa, Caro Emerald dirige l’ascoltatore verso dodici canzoni incentrate sulle relazioni sentimentali, prendendo certamente spunto dalla propria esperienza.

Il singolo “Back It Up” lanciato nell’estate del 2009 aveva già mostrato il talento della giovane artista; la pubblicazione dell’LP non fa altro che confermare quanto il ritmo le scorra nel sangue e in un modo non eccessivo da risultare fastidioso all’audience.
Si tratta di un album prettamente pop, concepito per far sollazzare e non per appesantire le giornate.
Injazzatevi, orsù.

Pro

Contro

Scroll To Top