Home > Recensioni > Carpathian: Isolation
  • Carpathian: Isolation

    Carpathian

    Data di uscita: 11-11-2008

    Loudvision:
    Lettori:

Il peso dell’hardcore!

I Carpathian sono un quintetto australiano proveniente da Melbourne, formatosi nel 2003 ed arrivato al suo secondo LP, dopo “Nothing To Lose” del 2006. “Isolation” è un disco hardcore o metalcore, il genere ognuno decida come vuole chiamarlo tanto il suono rimane lo stesso: chitarre pesanti, drumming pesanti, urla pesanti, una pesante vena dark e via dicendo: in poche parole, pesantezza!

Il discorso è il solito: non si parla di un disco di cattiva qualità, il risultato è professionale e può piacere senza problemi, inoltre il fatto che tutto duri meno di mezz’ora non può che andar a loro favore. Peccato che, una volta ascoltato, il disco cada inevitabilmente nella scatola dei “già sentiti”, non c’è il minimo tentativo di porsi al di fuori dal grigio panorama del ‘core della fine di questi primi dieci anni del duemila. Il problema è forse da vedersi nel fatto che è diminuita la voglia di tirar fuori la testa dal finestrino per vedere cosa c’è in giro, decidere di girarsi e cambiar direzione. Ci si accontenta di riproporre gli stessi ingredienti, ma tra qualche anno non saranno molti a ricordarsi di questo particolare risultato.

In pratica, più sbadigli che applausi. Nonostante l’alto volume e le grida, non è facile mantenere alta la soglia di attenzione e permane la sensazione che tutto sia destinato a finir nel dimenticatoio abbastanza presto. Tempi difficili per gli urlatori.

Scroll To Top