Home > Recensioni > Casa Del Vento: Articolo Uno

Militanza Suonando

Non è semplice questo concept album, con tante parti recitate (anche da Ascanio Celestini) sul tema del lavoro, non solo quello contemporaneo ma anche passato (vedi “Dio Degli Inferi” o “Quando Fischiava La Sirena”) da cui emerge uno sconsolante scenario di sconfitte sindacali.

Si parla delle operaie tessili della Lebole; operai della Sacfem, più nota come Fabbricone; minatori del Valdarno e mezzadri nelle campagne, passando per le conquiste dei lavoratori arrivando al precariato e agli incarichi a progetto (“Tutta La Vita Davanti”).

A volte un po’ melenso, ma in ogni caso commovente. Un album che fa riflettere anche se, va detto, più che dare la forza per reagire, fa venire voglia di piagnucolare un po’… sui tempi andati, duri ma schietti, e su tutti i diritti persi sino ad oggi.
Il genere è combat folk, piaccia o non piaccia. Ma non è per la musica, per quanto curata, che andrebbe ascoltato questo album.

Pro

Contro

Scroll To Top