Home > Recensioni > Cassandra Raffaele: La Valigia Con Le Scarpe
  • Cassandra Raffaele: La Valigia Con Le Scarpe

    Leave Music / universal

    Data di uscita: 14-01-2014

    Loudvision:
    Lettori:

“La Valigia Con Le Scarpe” è l’album di debutto di Cassandra Raffaele,  anticipato in radio dal singolo “L’Ultimo Bicchiere”. Interamente scritto e composto dalla cantautrice, il disco contiene tredici “transizioni emotive in movimento, note dinamiche di un pentagramma che raccolgono le impressioni di una persona pavida che pratica quotidianamente il coraggio”.

Alcuni dei brani hanno già valso alla Raffaele importanti riconoscimenti: con “L’occasione”, il Premio della Critica al Premio Bianca d’Aponte 2012, mentre “Le Mie Valigie” è stato uno degli 8 brani vincitori di Musicultura 2013 e “Come Di Domenica” finalista per il Premio Fabrizio De Andrè 2013.

Arrangiato e prodotto con il siciliano Carlo Longo, l’album non manca di collaborazioni con alcune delle realtà più interessanti dell’underground indipendente: Baciamolemani, Soulcè e la Tinto Brass Street Band, e può contare sulla collaborazione di alcune individualità creative emergenti dell’arte grafica e visiva, come Claudia Bordin (illustrazioni e grafica) e Giuseppe La Colla (fotografia). Il tutto coordinato dalla IndieSoundsBetter di Stefania Domina, che ha accompagnato Cassandra lungo tutto il percorso.

Chissà se un nome aulico ed un po’ desueto abbia avuto qualcosa a che fare con lo stile di questa  artista, certo è che calza a pennello per qualcuno che, come Cassandra in questo album molto intimo, ci racconta di sé, di sogni, speranze, riflessioni e tormenti d’amore come fosse un diario, con una voce limpida e delicata, a tratti un po’ nasale, che scandisce con gusto ogni suono, in quella maniera molto compiaciuta e intellettuale di un De André (in effetti alcune canzoni lo evocano molto chiaramente). Fin dal brevissimo benvenuto nella prima traccia si stabilisce l’atmosfera intima, e subito si percepisce l’approccio vintage, quello di tanto easy listening moderno che fa l’occhiolino a sonorità jazz e swing (cioè qualcosa di simile all’electroswing ma con meno vocalizzi e più velleità indie, in questo caso), molto caldo ed elegante, con campanelli e ottoni che sanno di certa musica francese. Per chi apprezza cantanti quali Caro Emerald, Simona Molinari, Arisa (soprattutto nel suo duetto con le Sorelle Marinetti), Cassandra potrebbe essere una piacevole scoperta.

Pro

Contro

Scroll To Top