Home > Recensioni > Castrovalva: Castrovalva
  • Castrovalva: Castrovalva

    Castrovalva

    Loudvision:
    Lettori:

venti minuti di pura energia

I Castrovalva sono Anthony Wright e Daniel Brader, un promettente duo figlio della nascente scena di Leeds. Dopo “Live At The Library”, l’esordio autoprodotto, presentano il loro primo album omonimo con la “Brew Records”.

Pensato in una settimana e registrato in una sola sessione di improvvisazione, “Castrovalva” è un disco di otto tracce totali per una durata di 20 minuti di pura potenza. Facendo richiamo a chi ha portato all’estremo la sperimentazione più pesante e alternativa (Oxes, Lighting Bolt, Zu) i Castrovalva tirano fuori dal cilindro un ottimo lavoro, tanto estremo quanto ascoltabile. “London Kills Me”, proprio a metà album, è l’unico intervallo ambient in un lotto che dimostra tutta la sua vocazione all’onda d’urto sonora.

Ma i Castrovalva sanno come fare rumore e al tempo stesso melodia, sanno muoversi all’interno delle insidiose gole della sperimentazione cercando di non cadere mai nell’eccesso e nel fine a sé stesso.
Piccola nota: l’edizione CD dell’album verrà stampata in sole 500 copie. A buon intenditor…

Pro

Contro

Scroll To Top