Home > Recensioni > Cat Stevens: Tell’em I’m Gone
  • Cat Stevens: Tell’em I’m Gone

    Cat Stevens

    Legacy Recordings / none

    Data di uscita: 28-10-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Yusuf Cat Stevens torna sulla scena musicale con il nuovo album intitolato “Tell’em I’m Gone” per la Legacy Recordings. Il disco è stato registrato in diverse città e contiene 10 tracce tra cui cinque cover di classici del country, folk e blues. Infatti il cantautore, con questo nuovo lavoro, ripropone un sound prevalentemente afro-americano e si avvale della collaborazione di musicisti dallo stile country/blues come Richard Thompson, Charlie Musselwhite, Bonnie ‘Prince’ Billy e della band maliana di etnia tuareg: i Tinariwen.

Musicalmente un lavoro che non presenta grandi novità stilistiche, il tutto suona come già sentito, tuttavia reinterpretato e riarrangiato prevalentemente dalla voce di Yusuf Cat Stevens che enfatizza molto i testi. Il singolo che lancia il disco sul mercato è la cover del brano di Edgar Winter: “Dying To Live”. Questa scelta sembra sintomatica, infatti, si ha la sensazione della mancanza di un vero e proprio materiale totalmente valido che possa uscire dalla tracklist (eccetto, forse, proprio le cover: “Big boss man”: storica work song, “You are my Sunshine”: famoso brano di Jimie Davis,” The devil came from Kansas”: fatidico brano dei Procol Harum, “Tell’em I’m Gone” è una classica work song intitolata, in origine, “Take this Hammer”).

I brani composti da Stevens presentano dinamiche molto stabili, arpeggi che ritornano ed uniformano molto il contenuto musicale.

Lo stile del disco è quindi omogeneo, diretto e, a tratti, un po’ confuso. L’arrangiamento si arricchisce con arpeggi di chitarra acustica, temi/solo di chitarra elettrica e, a sprazzi, si apre respirando con cori spirituals. Interessante l’ingresso, che spesso si può ascoltare, della cassa della batteria che entra “a sentenza” sul resto della musica, sembra evocare un martello di un giudice.

Contaminazioni di musica afroamericana che si fondono con la voce di Stevens che accarezzano l’ascoltatore senza scuoterlo definitivamente.

Pro

Contro

Scroll To Top