Home > Recensioni > Ceanne McKee: Wonderland
  • Ceanne McKee: Wonderland

    Ceanne McKee

    Data di uscita: 01-01-2008

    Loudvision:
    Lettori:

Tenero squarcio melodico

La musica di Ceanne McKee è una degustazione di note confortevoli. I brani narrano di intimità, di desideri agognati col sorriso, con uno sguardo femminile distaccato, analitico e consapevole della propria sensibilità.

Prendono campo allora melodie di chitarra acustica, talvolta archi e percussioni mediterranee, con soluzioni non banali ma certamente tradizionali. Vale a dire fortemente ancorate alla scuola latina ed a quella nordica-folk di appartenenza, che permettono ai contesti musicali di entrare nell’ascoltatore tra sensazioni lievi di evocatività e piacevolezza.

Senza inutili virtuosismi gli strumenti accompagnano la voce di Chiara: un timbro sicuramente gradevole e familiare a quello di altre voci del pop italiano. Dalla tecnica emergono indubbie doti: la sua voce sa rendere intensi i contesti più vibranti, mantenendo un’eleganza passionale anche nell’uso pieno dello spessore e della grana vocale, e sa accarezzare i contesti più flautati e delicati.
[PAGEBREAK] Poche incertezze anche nel buon gusto, nella costruzione delle linee vocali, intessute in modo coerente all’interno delle semplici e suggestive maglie melodiche. Linee vocali dove Chiara dà sfoggio di una ragguardevole estensione.

Questa maturità è di certo dovuta all’intensa gavetta ed alla vivace vita artistica, che la nostra genovese ha proseguito con costanza fino ad arrivare a questo primo salto nell’esperienza solista. Resta ancora l’intrigante domanda se mai il progetto Ceanne McKee potrà rendere giustizia anche al possibile movimento, al groove melodico, che il talento canoro e chitarristico di Chiara Ragnini ha nelle sue potenzialità.

Perché gli agevoli contesti della musica acustica e dello stile cantautoriale italiano al femminile di questo “Wonderland”, offrono poco più che un’introspezione contemplativa, ritornelli ariosi e melodie carezzevoli. Oltre a questo, il punto di partenza di un indubbio talento che deve prendere più forma e personalità. Ceanne McKee: un buon gusto da far crescere.

Scroll To Top