Home > Recensioni > Chaos Physique: The Science Of Chaotic Solutions
  • Chaos Physique: The Science Of Chaotic Solutions

    Chaos Physique

    Loudvision:
    Lettori:

Stratificazioni sonore

I Chaos Physique rappresentano l’incontro tra Amaury Cambuzat (Ulan Bator, Faust), Diego Vinciarelli (Sexy Rexy) e Pier Mecca (Fiub), mentre “The Science Of Chaotic Solutions” è il titolo del primo album nato da questa unione: otto tracce registrate in soli cinque giorni presso i Red House Recordings di Senigallia, con l’ausilio di macchinari analogici in presa diretta, perché “il sudore rimanesse nel prodotto finale”.

“The Science Of Chaotic Solutions” è un interessante quanto eclettico miscuglio di momenti cupi, si ascolti “Spaghetti Frogs”, concitati, si passi a “Neutrons Protons”, ma anche silenziosi e intimisti, come in “Jeux De Promesses”.
Otto pervasive tracce caratterizzate da atmosfere rarefatte e inespugnabili, che tengono sempre presenti le radici psichedeliche, noise e krautrock dei componenti del gruppo.

“The Science Of Chaotic Solution” non somiglia a niente di già sentito, è un melting pot di sperimentazioni, amalgame creative che fluiscono senza mai apparire disgregate. Un disco da ascoltare per scrutare nuovi orizzonti e rimanerne affascinati.

Un disco che è un trip mentale legale. Un viaggio verso galassie sconosciute, pervasive e destabilizzanti. Difficile rimanere ancorati alla vena creativa, psicotica e distorta del sound, ma se lo si fa le soddisfazioni uditive sono assicurate.

Pro

Contro

Scroll To Top