Home > Zoom > Sanremo 2012: Chez Morandi, vi è piaciuto il branzino alla Emma?

Sanremo 2012: Chez Morandi, vi è piaciuto il branzino alla Emma?

Abbiamo accettato volentieri l’invito al celebre ristorante nella terra dei fiori. Per l’occasione anche le nostre farfalle si son cambiate d’ali. Siamo andate via, inutile dirlo, con la vittoria di Emma sul groppone, ma lasciatevi raccontare l’intera cena.

L’inizio non è stato dei migliori: il buffet di antipasti freddi e gommosi si è digerito a stento. I misteri della Fornaciari serviti su letto di teologia finardiana con involtini di Matia Bazar impanati non ci avevano fatto sperare in un buon prosieguo. Ma da buone commensali siamo rimaste a tavola, col tovagliolo di stoffa sulle gambe (non parliamo dell’abito di Belen!) e il sorriso ai vicini di seggiola.

Tra un assaggio e l’altro abbiamo chiesto un Marlene Kuntz d’annata, ma quello servito sembrava mal invecchiato. Il sapore di tappo non era previsto.

Siamo grate allo chef per il trittico di primi più che gradevoli: risotto alla Zilli, pappardelle in salsa di Arisa e ravioloni di Noemi. Non che si trattasse di nouvelle cousine, ma come non apprezzare la notevole composizione sul piatto?

I secondi di carne hanno portato in tavola i sapori di casa nostra. Cosciotto di Bersani e grigliata di Renga non potevano che accompagnarsi con delle polpettine Carone-Dalla. Noi italiani siamo così: apprezziamo le cose piccole e sfiziose. Siamo quelli dalle basse pretese. E ci accontentiamo di poco.

Irrinunciabile il sorbetto Civello se si vuol proseguire con le proposte di mare della serata: branzino alla Emma e un’esaltante composizione di Aragoste, Bertè e D’Alessio, vincitori rispettivamente del televoto e del premio morale di questo Sessantaduesimo. Pare ancora vivo l’odore dell’incontro tra la penisola salentina e il golfo di Napoli.

La Dolcenera tentazione di una fetta di torta va a braccetto con la bottiglia di spumante appena stappata.

Dopo l’amaro della classifica ci si può alzare da tavola e discutere del servizio Morandi-Papaleo. Il conto, riportato su un vaglia postale con su scritto Canone Rai, ci sembra un po’ salato.

Per il prossimo anno confidiamo in una trattoria del posto. Non avremo luci e scalinata, ma ce ne andremo sazie e soddisfatte. Che ne sapete voi di quanto ci piace fare i complimenti allo chef!

E voi, come avete digerito?

Scroll To Top