Home > Report Live > Chorde Festival: Teho Teardo & Blixa Bargeld

Chorde Festival: Teho Teardo & Blixa Bargeld

Non pensavo avrei mai visto per la prima volta il leader degli Einstürzende Neubauten in una chiesa.
Occhei, una chiesa in cui ti vendono anche la birra (e la cedrata), ma solo perché si tratta di Chorde 2014. La serata di chiusura, tra l’altro.
Per me, che non son stata battezzata e ho sempre avuto un rapporto tormentato con i luoghi di culto, è stata una liberazione potermi sedere su una panca di legno e godere della vista di un palcoscenico allestito in un posto sacro, sì, eppure terribilmente umano.

Teho Teardo e l’amico dall’inconfondibile accento tedesco- NB: c’erano persone che parlavano tedesco un po’ ovunque, a dir la verità- Blixa Bargeld arrivano con andatura elegante: cade il violoncello per colpa di un passo maldestro di Blixa, ma la sua proprietaria non ne fa un melodramma e anzi si siede alla postazione che le spetta. Dopo due parole d’introduzione, cessati gli applausi, si inizia con “Nur Zur Erinnerung”, a cui segue “Mi Scusi”, in cui Blixa dimostra che imparare l’italiano non è così ostico come vogliono farlo sembrare (accento crucco a parte).
Il trio è concitato: la violoncellista si muove con una grazia divina, Teho smanetta con la pedaliera quasi non vi fosse un domani e Bargeld gesticola fortissimo.
“Axolotl” è il terzo brano ad essere eseguito e alla sua conclusione uno scroscio di applausi invade la chiesa.

Sul palcoscenico giunge pure un quartetto d’archi al femminile (tre violini- uno è Vanessa Cremaschi- e un violoncello) che completano la formazione con un calore e una carica emotiva non da poco.
Emergono dal repertorio anche delle cover, tra cui “The Empty Boat” di Caetano Veloso (bella è dire niente) e, durante il bis, “Soli Si Muore” di Patrick Samson.

La serata viene chiusa definitivamente da “Millions Of Eeels”, pezzo che, spiega Blixa, “è molto scientifico nel testo, perdonatemi per la mia brutta pronuncia dell’inglese. Dovrete abituarvi”.
E noi lo abbiamo perdonato eccome, perché, dopotutto, se non si perdona in chiesa dove si può?

 

SETLIST

Nur Zur Erinnerung
Mi Scusi
Axolotl
Buntmetalldiebe
Still Smiling
Nocturnalia
What If
Konjunktiv II
The Empty Boat (Caetano Veloso)
Come Up And See
A Quiet Life
Negroni


Encore:

Soli Si Muore (Patrick Samson)
Defenestrazioni
Millions Of Eels

Scroll To Top