Home > Recensioni > Cinderella: Live at The Mohegan Sun
  • Cinderella: Live at The Mohegan Sun

    Cinderella

    Loudvision:
    Lettori:

Cenerentola dopo la mezzanotte

Cenerentola è tornata. Ed è più zoccola che mai. Questo live registrato nel 2005 mostra tutti i punti di forza della band di Tom Keifer. I riff scanzonati e nostalgicamente eighties, la marcata venatura blues e una manciata di canzoni ci ricordano perché i nostri sono stati per un po’ una band molto importante nella scena glam/street di fine anni ’80.

Tom Keifer e Jeff Labar come sempre si scambiano assoli, fraseggi e schitarrate elettriche ed acustiche come ai bei tempi sulle ritmiche del duo Fred Coury / Eric Brittingham. Piena di pathos l’esecuzione della ballad bluesy “Heartbreak Station” con tanto di piano, 12 corde e solo di slide. “Gipsy Road”, “Night Songs” e tutti i pezzi più famosi presi dai 4 album pubblicati vengono eseguiti tutti di fronte ad un pubblico partecipe e presente.

Purtroppo oltre al lato positivo questo live mostra anche i punti deboli della band. Impossibile non notare come la voce di Tom Keifer, da sempre simile a quella di Brian Johnson, sia totalmente fuori forma e sottotono. Altro evidente segno del tempo è un generale senso di stanchezza che pervade l’esecuzione della band catturata su questo prodotto. D’altro canto mezzanotte è passata da un pezzo, è normale che qualche lustrino lasci il posto ai segni di decadimento.

Pare che Cenerentola dopo mezzanotte sia scappata dal principe anche perché moriva di sonno.
Questo sembra il caso dell’esecuzione dei Cinderella in questo CD. Peccato perché il suono è molto bello e la band suona bene, manca solo un po’ di nerbo.

Pro

Contro

Scroll To Top