Home > Recensioni > Cinquanta Sfumature di Rosso
  • Cinquanta Sfumature di Rosso

    Diretto da James Foley

    Data di uscita: 08-02-2018

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Arriva nelle sale l’8 febbraio “Cinquanta Sfumature di Rosso”, il capitolo conclusivo della trilogia trasgressiva, o almeno presunta tale, iniziata con “Cinquanta Sfumature di Grigio” e “Cinquanta Sfumature Di Nero” tratta dagli omonimi romanzi di E. L. James.

Avevamo lasciato Anastasia Steele (Dakota Johnson) e Christian Grey (Jamie Dornan) con una proposta di matrimonio appena accettata e, infatti, il film inizia proprio durante la cerimonia che sugella l’amore tra i due protagonisti. A questo punto si potrebbe pensare “perchè fare un film sul tutti vissero felici e contenti?”. Perchè l’idillio del viaggio di nozze viene bruscamente interrotto da un incendio nei database dell’azienda di Grey. Da qui via con corse in auto, rapimenti falliti e riusciti, gravidanze indesiderate e liti tra i protagonisti.

Il film vede ancora una volta alla regia James Foley, tanto che gli ultimi due capitoli di “50 Sfumature” sono stati girati praticamente in contemporanea, e alla sceneggiatura il marito della James, Niall Leonard. Duro il lavoro quando il materiale da trasporre sul grande schermo non è esattamente un capolavoro. Si parla di sesso trasgressivo, ma non si va oltre bende e manette (di diverso tipo, questo lo concediamo). Si parla, per questo terzo capitolo, di thriller, ma non c’è la minima traccia della suspense che dovrebbe caratterizzare il genere.

A salvare “Cinquanta Sfumature di Rosso” è l’ironia, chiaramente voluta in alcune scene, che strappa un sorriso allo spettatore. Un merito, oltre a questo, va riconosciuto: il film è più scorrevole e meno pesante rispetto al libro. Gli attori protagonisti ormai li conosciamo: Dakota Johnson riesce ad esprimere bene gli stati emotivi di Ana e la sua accresciuta sicurezza in se stessa, mentre Jamie Dornan è sempre gradevole da vedere, in particolare il suo profilo migliore, il posteriore.

Tirando le fila, la sensazione alla fine di “50 Sfumature di Rosso” è la stessa che si ha alla fine del libro: cosa ha aggiunto alla storia di Ana e Mr. Grey?

Pro

Contro

Scroll To Top