Home > Recensioni > CLAVDIO: Togliatti Boulevard
  • CLAVDIO: Togliatti Boulevard

    Bomba Dischi / 2roads

    Data di uscita: 29-03-2019

    Loudvision:
    Lettori:

Quando tra le mani ti ritrovi un singolo con due milioni e mezzo di visualizzazioni su YouTube devi avere la scaltrezza di metterti all’opera e cavalcare l’onda il più in fretta possibile. E su questo Bomba Dischi non ha fallito di certo con il lancio di Togliatti Boulevard, opera prima del cantautore romano CLAVDIO, uscito il 29 marzo e contornato da ovazioni di successo e un tour a supporto di Calcutta.

Peccato che il risultato, nonostante tutta la montatura possibile, non sia propriamente all’altezza delle aspettative, tanto che l’ascolto per intero lascia la sensazione di non avere  tra le mani un disco vero e proprio. Tolto il primo brano, “Cuore”, che si conferma un successo amato dal pubblico grazie al buffo effetto di sentire Tiziano Ferro cantare su una canzone di Adele, il resto è un barcollante insieme di strofe tipo Dado ai tempi di Zelig (“le tue gambe mi ricordano il mare perché somigliano a palme, spero senza noci di cocco”, “guardo le mie vecchie foto e mi rendo conto di essere uno scroto lanciato nello spazio”) e vuoti cosmici nella scrittura riempiti da un noioso raffazzonamento ad opera di sintetizzatori e casse dritte. Il bello, però, è che si può solo migliorare perché, checché ne dicano tre milioni di ascolti su Spotify, Bomba dischi o i vari uffici stampa, Togliatti Boulevard è l’esordio maldestro di un esordiente, a tratti anche simpatico, ma musicalmente poco ispirato. Magari in un secondo momento, quando radio, agenti, magazine avranno esaurito l’euforia dei primi istanti, potrà anche CLAVDIO trovare un po’ di tempo per lavorare alla musica con calma. Per sua fortuna il resto sarà già stato fatto.

 

Pro

Contro

Scroll To Top